Dei Felini

Ho cominciato la mia avventura da gattara circa cinque anni fa.
Da bambina ho avuto un gatto di nome Chicco, non particolarmente amichevole. Avevamo una casa col giardino e lui viveva lì, con la sua cuccia, la sua pappa, qualche giochino, addomesticato, ma non granché avvezzo alla vita familiare.
Da ragazzina ho salvato un paio di cuccioli capitati per caso dalle mie parti, per brevi periodi e cedendoli poi a chi poteva occuparsene.
Quando sono venuta a vivere con  Fratello a casa di Nonny non stavo passando un periodo particolarmente esaltante della mia vita. Avevo poca voglia di uscire e men che meno avevo voglia di prendermi impegni.
C’era questa grossa gatta nera nera, così grassa da sembrare incinta, che tutti dicevano essere cattivissima. Una volta si era infilata in uno dei palazzi del parco e, quando una signora aveva provato a cacciarla a colpi di scopa, lei aveva reagito ringhiando e soffiando. “Sembrava posseduta!” andava raccontando la vecchina terrorizzata, a cui io avrei tanto volentieri spaccato la scopa sul cranio.

La gatta grassa e nera a me, che mi mettevo seduta nelle sue vicinanze senza muovere un muscolo e portandomi dietro scatolette di tonno o bocconcini, si avvicinava piuttosto educatamente, a coda alzata e strusciandosi contro le mie gambe. Ogni tanto reagiva male, a un movimento troppo brusco, a una carezza inaspettata.
Ho iniziato a capire i gatti così, tra un graffio e l’altro datomi dalle zampacce di Nerina.

Io non sopporto chi dice che i gatti siano animali scostanti, ruffiani o privi di affetto. Il punto è che, a differenza di quanto succede con i cani, l’affetto dei gatti va guadagnato. I gatti, sotto molti punti di vista, sono molto umani, hanno reazioni più complesse di quelle di cani e cavalli, per esempio.
Il gatto ti insegna che il sistema migliore per mantenere la leadership è la persuasione. Non puoi costringere il gatto a fare quello che lui non vuole fare, devi convincerlo che quello che tu vuoi che faccia è esattamente quello che lui vuole fare.
Il gatto ti insegna  a non arretrare davanti al dolore. Sulla mia pelle (letteralmente, perché soprattutto all’inizio, avere a che fare con i gatti vuol dire ridursi mani e braccia peggio del più ortodosso degli emo) ho imparato che non conviene mai ritirare la mano che sta per essere graffiata. Fisica spicciola: alla forza impressa dalla zampa che tenta di colpirci, si aggiunge quella che imprimiamo noi, intimoriti dalla possibilità di essere colpiti, ritirando la mano. Il risultato è molto più devastante di quello che si ha semplicemente lasciandosi colpire. Il graffio in questo caso è molto meno profondo.
Quando ci si guadagna la fiducia di un gatto, si sente di aver portato a termine una missione, di aver ottenuto un risultato. E la risposta è assolutamente sorprendente.
I gatti hanno l’abilità di muoversi intorno al loro umano, in perfetta armonia. Sanno quando salire, arrampicarsi, accoccolarsi , si muovono sempre al momento giusto, infilandosi nelle nostre pieghe, nel posto lasciato libero.
In effetti è quello che fanno anche col cuore del loro umano di riferimento. Si fanno posto un po’ alla volta, si creano il loro spazio.

In cinque anni avrò avuto a che fare con una decina di randagi. Maschi e femmine, coccoloni o schivi, disposti a fare amicizia o assolutamente scorbutici.
Li ho sfamati, coccolati, divisi durante i loro litigi notturni; ho avuto a che fare con servizi di pronto intervento mal coordinati e non sempre competenti, per assicurarmi che fossero sempre in salute; li ho disinfettati, ho dato loro antibiotici, antiparassitari, li ho pettinati e ripuliti, li ho visti partorire e ho avuto il privilegio di essere considerata da loro così degna di fiducia da poter rimanere sola con cucciolate nate da 24 ore.
C’è di più, I gatti sono stati il mio primo impegno dopo mesi di assoluta apatia. Dovevo vestirmi e preparare le ciotole, le medicine e le spazzole e uscire di casa, perché mi ero assunta la loro responsabilità.
Ho sofferto e soffro ancora del fatto di non poter tenere animali in casa. La mia situazione “logistica” è quella che mi ha spinto ad occuparmi dei gatti randagi, Però oggi penso che, anche se un giorno potessi permettermi di averne qualcuno in casa, non smetterei  comunque di occuparmi dei felini senza tetto.

Dopo circa cinque anni, Nerina aveva imparato a venire a mangiare ad un certo orario, ad essere presa in braccio e pettinata e pulita, senza spaventarsi o innervosirsi. Non ha mai più tirato fuori le unghie, se non appena appena, facendomi “la pasta” addosso, per mostrare il suo disappunto verso un qualche mio momento di distrazione. I bambini si fermavano per accarezzarla e lei li ha sempre lasciati fare di buon grado.
La sua pappa preferita era il baccalà, che divideva con la nonna. Il suo posto preferito, le mie gambe, su cui sapeva incastrarsi perfettamente.
Un dio che evidentemente non ha troppa simpatia per me, ha deciso di farla morire la mattina di Natale.

Questo post è innanzitutto un ringraziamento. Al mondo felino tutto e a Nerina e Moka e Ken e Martino in particolare, Per i sorrisi e le fusa e l’affetto e le soddisfazioni che mi hanno dato. Per avermi scaldato le mani in inverno ed aver accettato le mie carezze anche nelle giornate più torride.
Spero di essere risultata una ridicola pazza esaltata agli occhi di quelli che sono buoni a dire solo che è da deficienti spendere soldi ed energia per gli animali, dal momento che ci sono tante persone ad averne più bisogno; a gli occhi di quelli che pensano sia esagerato soffrire per la morte di un cane, di un gatto, di un coniglio o un criceto, perché “le vere disgrazie sono altre”.
Spero vivamente di aver fatto una pessima impressione a questo genere di persona, perché vorrebbe dire che sto investendo bene i miei soldi, le mie energie e il mio affetto, ogni volta che apro una scatoletta per portarla giù in cortile.

In secondo luogo, questo post è un invito.
Prendere con sé un animale richiede tempo e denaro e spazio ed energie che non tutti possediamo.
Lasciare in un angolo del cortile una ciotola con dell’acqua fresca e una manciata di crocchette, (ma anche semplicemente degli avanzi) è qualcosa che è alla portata di tutti.
Intervenire quando si incontra un animale in difficoltà, oltre che ad essere un dovere civico e prima ancora morale, non ha alcun costo. Nonostante la non sempre perfetta organizzazione, il Pronto Intervento degli animali è accorso in mio aiuto gratuitamente ogni volta che ne ho avuto bisogno. Basta chiamare il 118  ed il centralino vi fornirà i dati del veterinario di turno in quel momento. Non ci sono costi né oneri di altro tipo.
La vicinanza anche saltuaria di un randagio è di enorme conforto emotivo, sia per loro che per noi.
Vale la pena anche solo provare. Può essere uno dei buoni propositi per l’anno nuovo, pensateci su.

Nerina
(Unkown – 25/12/2014)
Annunci

3 risposte a "Dei Felini"

  1. Un abbraccio grosso perchè so cosa vuol dire vedere un pelosetto andarsene. Io ho sempre avuto molti gatti in giardino, ultimamente ho “solo” le mie due storiche, ormai sono anni che mi zompettano attorno.
    L'affetto di un gatto lo si guadagna, ed è un risultato che dà molte soddisfazioni. Io ora vado una volta a settimana a fare la volontaria in un gattile, e riesco sempre a sorprendermi del cambiamento che un paio di coccole e di attenzioni fanno sui micetti abbandonati che arrivano terrorizzati in infermeria.

    Un abbraccio forte forte.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...