Alla mia Doc.

Mi è venuta voglia di scrivere alla mia Doc.  Non la sento da un po’, è rimasta piuttosto indietro.
Penso che sia perché non posso raccontare la piega che stanno prendendo le cose a Madre.

La maledetta tendenza a fare bilanci non la perdo mai.

Ogni tanto ho questa sensazione di non avere qualcuno che riconosca davvero il valore del mio percorso. Come se si fosse persa la memoria del punto da cui sono partita. V. è lontana, Madre non c’è ed è come se non ci si ricordasse più di quei giorni di scuola saltati, degli esami preparati e non dati, dell’incapacità di legarmi a una persona, della paura del dolore, dei sabato sera fatti saltare all’ultimo secondo. Come se non ci fossero più testimoni e i miei ricordi fossero incubi.
Allora mi è venuta voglia di scrivere alla Doc. Perché lei c’era. Perché conosceva Madre e Padre e V. Perché credeva in me come ci credeva Madre, senza dare per scontato che io riuscissi.

058b96378f1623e8f4f645a29ba654c1

Cara Doc,
spero che lei stia bene. Io sto meglio delle ultime volte in cui ci siamo viste. Ho degli amici, qualcuno virtuale e qualcuno in 3d, ho recuperato i miei interessi. Sono quasi convinta che non sia da pazzi non voler essere un architetto, un avvocato, un ingegnere o un impiegato in banca.
Ho iniziato a lavorare. La mia capa mi ha fatto i complimenti e ha detto al capo dei capi che è contenta di me. A me nemmeno pesa quello che mi fanno fare, solo un po’ la sveglia presto. Il capo dei capi dice che quelle cose che io so fare, non sono cose inutili. Le chiama soft skills. Dice che vanno coltivate.
Io, che non volevo mai uscire da casa, mi trovo a dormire in tre letti diversi in una settimana e a prendere treni un giorno sì e uno no. Continuano a farmi schifo i treni, però.
Ho trovato Lui, alla fine. O Lui ha trovato me. È stata dura, parecchio. Abbiamo faticato come due matti, due animali spauriti, disfatti, rotti. Ci curiamo a vicenda, giriamo intorno ai punti più malandati, quelli che ancora non riusciamo a sistemare e impariamo a volere bene pure a quelli. È bello, lui, sotto la scorza dura dura.
Lo avrebbe mai detto, Doc? Sì, perché lei lo ha sempre detto. Alla fine mi dovevo solo innamorare.
E la laurea invece ancora non l’ho presa. Alla fine è successo, Doc. Mi hanno bocciata. All’ultimo esame. Ho pianto un po’. Non so come andrà a finire, vediamo.
Tutto sommato sto bene.
La penso spesso.

Kella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...