Smutandati

Insomma ho aperto il pc e mi sono ritrovata inondata di immagini di peni.

Avanti, fatela la battuta del cazzo (!) sui siti web da me frequentati *ammiccamento, ihihihihihihih, ammiccamento*
No, pezzi di imbecilli. 
Questo tripudio di genitali maschili ci è stato gentilmente offerto dalle sfilate parigine per l’autunno/inverno 2015-2016. Rick Owens ha infatti avuto la geniale idea di far sfilare i suoi modelli col pisello al vento, sostenendo che “la nudità è il gesto più semplice e primordiale”.
Attualmente sul sito di Vogue non compare ancora la recensione della sfilata, suppongo che sia perché in redazione stiano ancora tutti dibattendo sulla domanda che inevitabilmente sorge, assistendo a tale spettacolo: MACOSACAZZODICI RICK OWENS?
In giro per il web se ne leggono già di ogni genere e tipo. Pare che lo stilista con velleità da andrologo sia stato ribattezzato “Dick Owens” da qualche insider molto simpy.  Né mancano i soliti mentecatti che acclamano il gesto di dirompente trasgressività con i soliti “GENIO! TROPPO AVANTI!”. Non mi stupirei se qualcuno avesse anche esclamato “MINCHIA ZIO, SEI TROPPO TOGO!”
Perché, francamente, ad esaltarsi per uno che si è dimenticato di mettere i pantaloni ai propri modelli può essere solo qualche mentecatto di quelli che sono andati in giro vestiti da Spongebob dalla testa ai piedi, dopo la sfilata di Jeremy Scott per Moschino. Esaltati disposti a tutto pur di finire in una rubrica di street style di quart’ordine.
Cioè tirare fuori lo scroto sarebbe un gesto di rottura? Nel 2015 pensiamo ancora di sconvolgere proponendo la nudità totalmente fuori contesto? ANCORA?
Santoddio la Pausini ha mostrato la patata in pubblico! LA PAUSINI! La cantante più nazionalpopolare del paese più cattolico d’Europa. E noi dovremmo sconvolgerci per questi pezzettini di carne dondolanti? 
Io sono una shopaholic senza speranze, ma non una fashion victim, temo. E sì, la moda è talvolta al confine con l’arte, è concetto prima di essere oggetto d’uso. Ma questa collezione è stata concepita (cito testualmente) per “l’uomo metropolitano”.
No, dico, deve essere un sacco igienico andare in giro per metropoli a palle al vento. Immagino che momento glorioso debba essere, per esempio, sedersi su un mezzo pubblico. Già vi vedo in fila alla posta, a pagare la bolletta del gas col pisello en plain air. Cosa non darei per documentare le reazioni ad una improvvisa folata di tramontana, per vedervi correre cercando riparo in occasione di un temporale inaspettato. 
A casa mia si è sempre pisciato con la porta aperta, sono dunque cresciuta poco sensibile all’effetto scandalo di un pisello all’aria. 
Il punto che credo si debba sottolineare (nonché mia fermissima convinzione personale) è che il pisello non è esteticamente bello.
Andiamo, su, bisogna ammetterlo. Se storco il naso davanti a un uomo che sfila smutandato, ma nemmeno faccio caso alla modella a tette al vento non è per una forma di vergogna bigotta preadolescenziale. Semplicemente le tette sono belle e i piselli no. 
Bisogna rassegnarci a questo fatto: il corpo femminile è più bello del corpo maschile.
Sia chiaro, non parlo di gusti sessuali o di attrazione fisica. Parlo dell’aspetto puramente estetico. Non possiamo negare che un corpo nudo di donna possegga una armonia formale che al corpo nudo di un uomo manca. E infatti gli antichi Greci (che di bellezza ci hanno capito più di tutte le culture successive messe insieme) i piselli li rappresentavano piccoli, anche quando si trattava di statue di eroi, atleti, condottieri e via discorrendo. 
E’ UNA FOTTUTA QUESTIONE DI ARMONIE.
Aggiungiamo a tutto ciò che alcune fotografie mostrano piselli particolarmente poco gradevoli da un punto di vista estetico. Rick Owens ma come li hai fatti i casting? Se proprio dovevi (e secondo me non c’è alcuna necessità, lo ribadisco), potevi almeno assicurarti che i tuoi modelli non soffrissero di orchite!
Disclaimer: io il pisello lo chiamo pisello. Per quanto trovi azzeccata in taluni contesti l’associazione di maschio-dolore, ho sviluppato un’idiosincrasia verso la parola “pene”, che mi fa venire in mente le pene nel senso di sofferenze. Tale profonda riflessione mi si palesò molti anni fa, leggendo un libro della leggendaria collana “Le Ragazzine”, imprescindibile pilastro della mia formazione personale. 
Annunci

7 risposte a "Smutandati"

  1. Sicuramente tutto ciò è un colpo di genio provocante e trasgressivo, sicuramente io non lo colgo in quanto minorata plagiata dalle trasmissioni di Maria De Filippi, ma lasciamelo dire: per vedere peni ciondolanti che spuntano dalla casacca basta passeggiare cinque minuti in qualsiasi reparto ospedaliero, dove fra l'altro indossano camicie da notte in cotone, mica 'sti sacchi di juta.
    E poi che peni, il mio falegname con 30.000 lire li faceva meglio.

    Mi piace

  2. Ti prego aiutami a capire: dov'è la provocazione? Io penso che il nudo sia fin troppo sdoganato! Se nudo deve essere, che sia almeno interessante da un punto di vista estetico, formale. Che senso ha così? Dov'è la moda?

    Mi piace

  3. Ti prego aiutami a capire: dov'è la provocazione? Io penso che il nudo sia fin troppo sdoganato! Se nudo deve essere, che sia almeno interessante da un punto di vista estetico, formale. Che senso ha così? Dov'è la moda?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...